Comune di Fagnano Olona - Sito ufficiale

Piazza Cavour, n. 9 - Fagnano Olona VA - Tel 0331 616511 - Fax 0331 616559 - Mail protocollo@comune.fagnanoolona.va.it - PEC protocollo.fagnanoolona@legalmail.it - P.I./C.F. 00214240129

IMU 2013

 

La sigla IMU, che in breve indica l’ “Imposta Municipale propria”, rappresenta un tributo la cui entrata in vigore era stata inizialmente prevista dalle norme sul federalismo fiscale a partire dall’anno 2014, ma con il cosiddetto “Decreto salva-Italia” (il D.L. n. 201/2011 convertito in Legge n. 214/2011) ne è stata anticipata l’introduzione, in via sperimentale, dal 1° gennaio 2012.


L’IMU si applica a partire dall’anno d’imposta 2012 su tutti gli immobili, compresa anche l'abitazione principale e le sue pertinenze.


L’IMU sostituisce l’ICI, che dal 2012 cessa di esistere, e inoltre accorpa e sostituisce, per la componente immobiliare, anche l’Irpef e le relative addizionali dovute sui redditi fondiari degli immobili non locati.

 

SALDO IMU 2013 

 

Nel Comune di Fagnano Olona NULLA è dovuto per IMU ANNO 2013 sull'abitazione principale e relative pertinenze (ad eccezione degli immobili classificati nelle categorie catastali A/1 - A/8 - A/9).

 

Il  Decreto Legge n. 133 del 30/11/2013 ha disposto l'abolizione della seconda rata dell'IMU sull'abitazione principale e relative pertinenze, ad eccezione degli immobili classificati nelle categorie catastali A/1 - A/8 - A/9.

Sempre con detto decreto è abrogato il pagamento del saldo IMU per le seguenti categorie di immobili:

- unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonchè alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti Autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, Istituiti in attuazione dell'art. 93 del Decreto del Presidente della Repubblica 24/07/1977, n. 616;

- i terreni agricoli, nonchè quelli non coltivati, di cui all'art. 13, comma 5, del DL n. 201/2011, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori  agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;

- i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'art. 13, comma 8, del DL n. 201/2011.

 

Si informa che con delibera n. 27 del 30/05/2013 del Commissario Prefettizio, assunta con i poteri del Consiglio Comunale e pubblicata sul sito istituzionale di questo Comune, ai sensi dell'art. 8 del DL 31/08/2013, n. 102, convertito L. 28/10/2013 n. 124, in data 11/11/2013:

  • per l'anno 2013 è stata confermata l'aliquota IMU di base dello 0,90 per cento;
  • non è più stata deliberata l'aliquota agevolata dello 0,66 per cento per le unità immobiliari ad uso abitativo e relative pertinenze, concesse in uso gratuito a parenti in linea retta di primo grado. Pertanto i possessori di detti immobili e soggetti passivi IMU, dovranno per l'anno 2013, utilizzare l'aliquota dello 0,90 per cento e provvedere, in fase di versamento a saldo, entro il 16 dicembre 2013, al conguaglio di quanto dovuto senza applicazione nè di sanzioni nè di interessi.
Si ricorda che la scadenza per il versamento del saldo IMU 2013 è fissata per il giorno 16 DICEMBRE 2013.

 

 

  ACCONTO IMU 2013

 

Il Decreto Legge del 31 agosto 2013, n. 102 ha previsto che per l'anno 2013 non è dovuta la prima rata dell'IMU relativa agli immobili di cui all'articolo 1, comma 1, del DL 21 maggio 2013 n. 54 e cioè:

  • abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici e storici);
  • unità immobiliari e relative pertinenze possedute a tutolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che l'abitazione non risulti locata;
  • unità immobiliari appartenenti a cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonchè alloggi regolarmente assegnati  dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli Iacp;
  • terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all'art. 13 - commi 4,5 e 8 - del DL 201/2011 convertito, con modificazioni, dalla L. 214/2011 e successive modificazioni;

Lo stesso decreto ha inoltre stabilito che, per l'anno 2013, non è dovuta la seconda rata dell'IMU relativa ai fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fino a quando permane tale destinazione e non siano in ogni caso locati.

 

 

 

 


 Con Decreto Legge n. 54 del 21 maggio 2013, pubblicato sulla  Gazzetta Ufficiale n. 117 del 21 maggio 2013, è stata disposta la sospensione, per l'anno 2013, del versamento della prima rata IMU SOLO  per le seguenti categorie di immobili:

  • abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9
  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari
  • alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli Iacp,
  • terreni agricoli di cui al comma 5 dell'art. 13 del decreto legge n. 201 del 2011
  • fabbricati rurali strumentali all'esercizio dell'attività agricola di cui al comma 8 dell'art. 13 del decreto legge n. 201/2011

Pertanto, per detti immobili non dovrà essere eseguito il pagamento previsto per il prossimo 17 giugno.

Il provvedimento precisa che si tratta di una misura provvisoria, nelle more di una riforma complessiva della disciplina dell'imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare. In caso di mancata adozione della riforma entro la data del 31 agosto 2013, continua ad applicarsi la disciplina vigente e il termine di versamento della prima rata IMU per gli immobili oggetto della sospensione è fissato per il 16 settembre 2013.

 Nel caso di assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, l'assegnatario residente beneficia della sospensione del versamento, mentre il coniuge proprietario e non assegnatario non deve versare l'imposta.

Per gli anziani e/o i disabili ricoverati permanentemente, l'abitazione e le relative pertinenze possedute, sono state assimilate alle abitazioni principali e pertanto beneficiano della sospensione del versamento.

Per i cittadini italiani residenti all'estero e iscritti all'AIRE, l'abitazione posseduta nel Comune di Fagnano non è stata assimilata all'abitazione principale e pertanto devono versare l'imposta.

 2)  VERSAMENTO ACCONTO IMU 2013

 La vigente normativa prevede che, per l'acconto IMU anno 2013, da versarsi entro il 17 giugno 2013 per i soli immobili il cui pagamento non è stato sospeso dalla norma sopracitata, qualora il Comune non abbia ancora adottato le aliquote per l'anno 2013, Il versamento   debba essere effettuato tenendo conto delle aliquote e detrazioni IMU deliberate per l'anno 2012, in ragione del 50% dell'imposta dovuta per il 2013 ( non è ammesso il pagamento in un'unica rata a giugno).

Se l'importo da versare risulta inferiore a 12,00 euro ANNUI, non si deve effettuare alcun versamento; qualora invece l'importo da versare sia superiore a 12,00 euro, ma le singole rate risultino inferiori al suddetto limite, il versamento sarà effettuato in un' unica soluzione entro il 17 dicembre.

In sede di saldo a dicembre si dovrà poi provvedere al  conguaglio di quanto effettivamente dovuto applicando le aliquote e le detrazioni deliberate per l'anno 2013.

 

3)  RIPARTIZIONE DEL  VERSAMENTO  DELL'IMPOSTA TRA COMUNE E STATO

 La legge n. 228 del 2012 ha introdotto alcune novità in merito alla ripartizione dell'imposta tra la quota  riservata allo Stato e quella riservata al Comune:

  • E' interamente versato al Comune il gettito dell'imposta municipale propria di tutti gli immobili , con la sola esclusione degli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D.
  • E' versato allo Stato il gettito dell'imposta municipale propria degli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, calcolato ad aliquota di base dello 0,76%. La differenza di gettito dovuta all'applicazione dell'aliquota ordinaria deliberata dal Comune per l'anno 2012 (0,90%) deve essere versata al Comune.         

Attenzione: in conseguenza di quanto sopra sono variati alcuni  codici da utilizzare nel modello F24 per il pagamento dell'imposta (vedasi tabella sottoriportata)                  

                                                                    

TABELLA RIEPILOGATIVA

ALIQUOTE IMU DELIBERATE PER L'ANNO 2012 DA UTILIZZARE SOLO PER IL VERSAMENTO DELL'ACCONTO SCADENTE IN DATA 17/06/2013  E PARI AL 50% DEL DOVUTO ANNUO

 

TIPOLOGIA

ALIQUOTE DELIBERATE NELL'ANNO 2012

ANNOTAZIONI

COD. VERSAMENTO F24

ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE

(SOLO PER LE CATEGORIE A/1 – A/8 – A/9)

LE PERTINENZE SONO AMMESSE SOLO IN

-N. 1 FABBRICATO PER CATEG. C2

-N. 1 FABBRICATO PER CATEG. C6 

 -N. 1 FABBRICATO PER CATEG. C7

 

0,40

PER CENTO

DETRAZIONI:

EURO 200,00 ANNUALI PER ABITAZIONE

EURO 50,00 PER OGNI FIGLIO CHE RISIEDE CON I GENITORI E CHE NON ABBIA COMPIUTO 26 ANNI

 

VERSAMENTO:

IMPOSTA DI COMPETENZA SOLO DEL COMUNE

          3912
UNITA’ IMMOBILIARI AD USO ABITATIVO (E RELATIVE PERTINENZE AMMESSE DALLA LEGGE) CEDUTE AD USO GRATUITO A PARENTI IN LINEA RETTA DI 1° GRADO (GENITORI - FIGLI)  IVI RESIDENTI A CONDIZIONE CHE IL SOGGETTO RICEVENTE NON POSSIEDAFABBRICATI, O QUOTE, AD USO ABITATIVO NEL COMUNE  

0,66

PER CENTO  

VERSAMENTO:

IMPOSTA DI COMPETENZA SOLO DEL COMUNE 

        3918 

ALTRI FABBRICATI ESCLUSO IMMOBILI DI CATEGORIA D 

0,90

PER CENTO 

VERSAMENTO:

IMPOSTA DI COMPETENZA SOLO DEL COMUNE 

        3918 

AREE  EDIFICABILI 

 

 

TERRENI

0,90

PER CENTO 

 

VERSAMENTO:

IMPOSTA DI COMPETENZA SOLO DEL COMUNE 

 

       

 

        3916 

 

       

         3914

 

        

IMMOBILI DEL GRUPPO D 

0,90

PER CENTO 

VERSAMENTO:

L’IMPOSTA VA SUDDIVISA COME DI SEGUITO INDICATO:

  0,76  PER CENTO ALLO STATO 

0,14   PER CENTO AL COMUNE

 

 

 

3925 

         3930

 

 

4) MODALITA'  DI  PAGAMENTO

Il versamento dell'imposta per la rata di acconto anno 2013 può avvenire con due diverse modalità:

  • mediante MODELLO F24 (disponibile presso qualsiasi ufficio postale o sportello bancario - è gratuito e non comporta spese di commissione) - I codici tributo da utilizzare nella "Sezione IMU e altri tributi locali" sono quelli sopra riportati;
  • mediante BOLLETTINO POSTALE IMU, appositamente predisposto e disponibile presso gli uffici postali; il costo del versamento corrisponde alle spese di commissione previste per un bollettino postale ordinario. Il versamento deve essere effettuato  sul c/c n. 1008857615, valido indistintamente per tutti i Comuni del territorio nazionale.

IL CODICE IDENTIFICATIVO DEL COMUNE DI FAGNANO OLONA E'     D467

N.B.  Sulla home page è disponibile il software per il calcolo dell'IMU 2013  con la stampa del Mod. F 24 per poter effettuare il versamento.


 

 

DICHIARAZIONE IMU

 

Con decreto n. 35 dell' 08/04/13 è stato prorogato il termine di presentazione della Dichiarazione IMU: dai previsti 90 giorni dalla data in cui ha avuto inizio o sono intervenute variazioni ai fini della determinazione d'imposta, al nuovo termine del 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui ha avuto inizio o sono intervenute variazioni ai fini della determinazione dell'imposta

 



Elenco degli argomenti presenti in questa sezione